martedì 31 dicembre 2013

Adieu deux mille treize



È stato un anno particolare, questo.
Iniziato male dal punto di vista fisico.
Iniziato insieme ad un percorso piccolo, una stradina secondaria che non sapevo dove mi avrebbe portato e, tutto sommato, neanche con chi, e che è diventata sempre più grande.
È stato un anno di scoperte e paure, di conferme importanti, di nuove amicizie, del riprendere in mano una passione e di concedersi di pensare che se ci credi, e ti impegni, magari quella passione puoi farla uscire fuori e concederti pure di vederla volare.
Che paura dar consistenza ai sogni!
Questo è stato un anno pesante di scontri culturali, di constatazione dei limiti sociali e pratici del posto che ci ospita.
È stato un anno per capire che ci si deve accostare alle cose che non si conoscono con fiducia, sì, ma con una fiducia “critica” e con occhi sempre bene aperti sui limiti.
È stato un anno di “prove” da superare, che ci han lasciato dentro consapevolezze e voglia di stare insieme, ancora, sempre.
È stato un anno, qui, di “arrivederci”, “addio” e “benvenuti”, di nuovi sorrisi e nuovi occhi attraverso cui crescere ancora.
È stato un anno denso di cose per crescere ed evolversi, un anno di condivisione, un anno di sorrisi e lacrime.
Un anno più italiano del dovuto, ma con occasioni belle per festeggiare o belle per conoscersi.
È stato un anno in cui, grazie alle meravigliose persone che con me hanno creduto e credono in un sogno iniziato quasi per gioco, non mi sono mai sentita sola.
È un anno di cui essere grati: grati per esserci ancora, grati per le persone che sono felici che io ci sia ancora, grati per tutte le occasioni e i momenti di crescita, grati per i sorrisi, per le cose brutte cui si è saputo e potuto porre rimedio.
Grati per i passi fatti in direzione dell’autostima e per le persone che hanno fatto il tifo da lì intorno. Grati per le nuove consapevolezze, i nuovi limiti e le nuove aspettative.
Grati per le brutte persone lasciate indietro e la conferma dei quelle belle.
Un anno particolare, complicato, in movimento.
Ne sta arrivando un altro e non ho idea di come sarà. Per ora non mi importa, lo affronterò giorno per giorno con occhi e cuore ben aperti.

1 commento:

  1. Che questo che arriva sia un buon anno per tutti.
    Un abbraccio

    RispondiElimina